Soprattutto in inverno i nostri piedi vivono in una “prigione” stritolati dalle scarpe e soffocati dalle calze, ed anche la moda aggrava la situazione imponendo stivali alla cow boy, tacchi a spillo vertiginosi e scarpe a punta strettissima.
Senza le cure e gli accorgimenti adeguati, anche in materia di calzature, ci si ritrova con alluce valgo, unghie incarnite, disturbi circolatori e problemi di schiena e postura.

Troppo spesso si tende a dimenticare le due piccole estremità, così lontane che, invece, sostengono tutta la nostra figura. La nostra cultura, a differenza di quella orientale, non ha mai attribuito un gran valore ai piedi, quando basterebbero pochi accorgimenti per renderli belli e… felici!

Anche se siamo giovani e, perciò, li vediamo ancora belli, morbidi, sani non significa che maltrattandoli o non prendendoci cura di loro, rimarranno così a lungo. I piedi dimenticati in gioventù si faranno sentire in età avanzata! Perciò, è meglio correre ai ripari finchè si è in tempo!

Ecco 7 piccoli consigli ed accorgimenti per correre subito ai ripari:
- per le camminate di tutti i giorni, il lavoro e il tempo libero, scegliere sempre una scarpa comoda, con plantare fisiologico, con tacco largo e punta ampia;
- riservare solo alle occasioni particolari le scomodissime scarpe, seppur belle e alla moda, di tendenza, che non tengono conto della salute del piede;
- camminare a piedi nudi o, d’inverno, con le speciali calze antiscivolo, per dar modo al piede di sentirsi libero, nella sua forma naturale;
- d’estate non esporre il piede a superfici bollenti o tenerli in ammollo troppo a lungo;
- lavarli ogni sera con acqua tiepida e bicarbonato, facendo seguire un massaggio con olio (in inverno, olio di sesamo tiepido e in estate, olio di cocco con 1 o 2 gocce di olio essenziale di menta);
- nutrire i piedi secchi con una crema (3 cucchiai di cera d’api + 1 cucchiaio di olio di sesamo, intiepiditi);
- fare un impacco defatigante ed ammorbidente ai piedi due volte alla settimana, di sera, massaggiandoli con abbondante olio di ricino, poi fasciarli e andare a dormire.